mercoledì , 1 Aprile 2020
Ultime Notizie
Home / Linux / Jitsi Meet – Videoconferenze Open Source

Jitsi Meet – Videoconferenze Open Source

Ciao Ragazzi,
ritorno a scrivere in un periodo un po’ particolare, seduto in una stanza di casa, a causa delle restrizioni per superare il Covid19. Per questo voglio parlarvi di un sistema per realizzare videoconferenze in maniera open source: Jitsi Meet.

Questo non è solo un sistema di videoconferenza, ma permette di gestire anche la condivisione del desktop e la modalità di presentazione oltre all’editing multiplo di documenti tramite Etherpad.

Il sistema funziona direttamente dal loro sito internet, oppure, per chi è nel nostro settore, è possibile fornirlo in maniera self-hosted con pochi singoli passaggi.

Come sempre le mie prove sono fatte su distribuzione Debian (in questo caso ho usato la Stretch 9.9) ma è compatibile anche con le ultime versioni di Debian e Ubuntu. Vediamo come installare:

echo 'deb https://download.jitsi.org stable/' >> /etc/apt/sources.list.d/jitsi-stable.list
 
wget -qO -  https://download.jitsi.org/jitsi-key.gpg.key | apt-key add -
 
apt-get install apt-transport-https
 
apt-get update

Aggiunto il repository di jitsi procediamo con l’installazione:

apt-get -y install jitsi-meet

In fase di installazione è fondamentale specificare un fqdn (es. conferenza.paolodaniele.it) che dovrà essere configurato su un DNS e risolvibile perchè Jitsi funziona su piattaforma HTTPS per cui dovremo munirci anche di Certificato SSL(vi spiego dopo come fare)

Finita l’installazione bisogna configurare la parte relativa al certificato SSL per cui basta semplicemente lanciare lo script:

/usr/share/jitsi-meet/scripts/install-letsencrypt-cert.sh

Specificando il nome inserito in fase di installazione. Una volta finito eseguiamo l’import come indicato (usate come password del keystore changeit )

Manca solo l’ultimo passaggio (lo può evitare chi ha installato Jitsi su una macchina non dietro NAT). Bisogna aggiungere al file /etc/jitsi/videobridge/sip-communicator.properties le seguenti stringhe:

org.ice4j.ice.harvest.NAT_HARVESTER_LOCAL_ADDRESS=xxx.xxx.xxx.xxx
org.ice4j.ice.harvest.NAT_HARVESTER_PUBLIC_ADDRESS=yyy.yyy.yyy.yyy

Dove xxx.xxx.xxx.xxx è l’ip locale della vm con Jitsi mentre yyy.yyy.yyy.yyy è l’ip pubblico della vostra connessione.

Finito! Adesso possiamo collegarci su https://fqdn/ e avviare la nuova conferenza.

Vi ricordo che sono disponibili anche le APP per Android e iOS:

Info Paolo Daniele

Ingegnere delle Telecomunicazioni, appassionato di informatica fin da piccolo ho trasformato la passione in lavoro. Con il PHP faccio tutto (o quasi...) ma non disprezzo altri linguaggi all'occorrenza. Se vi piace il mio sito, o vi è utile, o vi sto simpatico, offritemi una birra!

Ti potrebbe interessare

Recuperare X-RAID Netgear NV+ con Linux

Ciao Ragazzi, oggi torno sul discorso RAID e su un casino che è successo da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *